Bonus Edilizia

24 Settembre, 2020 / Categorie: Senza categoria

Circolare informativa del cliente del 24 settembre 2020

BONUS EDILIZIA

“Il crescente interessamento al “Bonus Edilizia” con la possibilità di trasformare la detrazione d’imposta spettante in credito d’imposta, suggerisce un’ulteriore sintetica trattazione dell’argomento”

Il D.L. n. 34/2020 (decreto “Rilancio”), convertito con modificazioni in legge n. 77/2020, ha previsto, in via straordinaria, per alcune spese sostenute per il recupero del patrimonio edilizio, la possibilità per il contribuente di trasformare le detrazioni d’imposta in credito d’imposta, ovvero di optare per la cessione del credito o per lo sconto sul corrispettivo per le spese sostenute negli anni 2020 e 2021.

TIPOLOGIA DI SPESE INTERESSATE DAL BONUS EDILIZIA

Si tratta in particolare delle spese sostenute per:

  1. recupero del patrimonio edilizio di cui all’art. 16-bis, comma 1, lettere a) e b), del Testo Unico delle imposte sui redditi, di cui al D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (manutenzioni straordinarie e ristrutturazioni su immobili residenziali riservate alle persone fisiche);
  2. efficienza energetica di cui all’art. 14 del D.L. 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90 (fruibile su tutte le tipologie di immobili anche da parte dei soggetti IRES);
  3. adozione di misure antisismiche di cui all’art. 16, commi da 1-bis a 1-septies, del D.L. 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90 (cosiddetto “sismabonus” fruibile su tutte le tipologie di immobili anche da parte dei soggetti IRES);
  4. recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti, ivi inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna, di cui all’art. 1, comma 219, della legge 27 dicembre 2019, n. 160 (cosiddetto “bonus facciate” fruibile su tutte le tipologie di immobili anche da parte dei soggetti IRES);
  5. installazione di impianti fotovoltaici di cui all’art. 16-bis, comma 1, lettera h), del Testo Unico delle imposte sui redditi di cui al D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (fruibile su tutte le tipologie di immobili anche da parte dei soggetti IRES);
  6. installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici di cui all’art. 16-ter del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90 (fruibile su tutte le tipologie di immobili anche da parte dei soggetti IRES).

La misura agevolativa si affianca e completa quella relativa al “superbonus del 110%” che, a determinate condizioni, spetta per gli interventi sopra indicati alle lettere b), c) e) ed f).

TRASFORMAZIONE DELLA DETRAZIONE SPETTANTE IN CREDITO D’IMPOSTA

La trasformazione in credito d’imposta della detrazione consente maggiori opzioni di recupero del bonus.

Il credito d’imposta potrà infatti essere utilizzato dal contribuente per compensare altri pagamenti con F24 quali contributi, imposte sostitutive, IMU, TARI. Non muta invece la ripartizione temporale connessa con la fruizione del bonus che, salvo il caso del super bonus del 110% e di altri casi particolari, resta di 10 anni con impossibilità di recuperare eventuali eccedenze in anni successivi.

L’agevolazione più rilevante contenuta nella norma riguarda la possibilità, esclusa a regime, di ottenere da parte del fornitore un contributo nella forma dello sconto in fattura ovvero di cedere il credito al sistema bancario.

Il meccanismo del contributo da parte del fornitore costituisce nella sostanza una forma di pagamento che non riduce l’imponibile ai fini dell’imposta sul valore aggiunto e deve essere espressamente indicato nella fattura emessa a fronte degli interventi effettuati, quale sconto praticato in applicazione delle previsioni dell’art. 121 del D.L. n. 34 del 2020.

L’esercizio dell’opzione per lo sconto in fattura ovvero per la cessione del credito d’imposta può avvenire esclusivamente in via telematica tramite l’invio della “Comunicazione dell’opzione relativa agli interventi di recupero del patrimonio edilizio, efficienza energetica, rischio sismico, impianti fotovoltaici e colonnine di ricarica” approvato con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 283847/2020.

La Comunicazione deve essere inviata, a decorrere dal 15 ottobre 2020, entro il 16 marzo dell’anno successivo a quello in cui sono state sostenute le spese che danno diritto alla detrazione.

Attenzione: Qualora il credito ceduto derivi da spese che danno diritto al superbonus del 110% è necessario che la “Comunicazione dell’opzione” sia munita del visto di conformità rilasciata ai sensi dell’art. 35 del D.Lgs. 9 luglio 1997, n. 241.

Lo Studio rimane a Vostra disposizione per ogni chiarimento ed approfondimento di Vostro interesse.

Cordiali saluti

BM Consulting Service S.r.l.

Scarica la circolare

Share